Qualità e documentazione

Certificazione della qualità

certificazione qualitàLa Cooperativa Cecilia pone massima attenzione nell’offrire servizi innovativi e secondo i più alti standard del settore.

Crediamo che garantire il massimo per dare il meglio ai nostri stakeholders sia un atto dovuto.

La certificazione della qualità, che potete visualizzare direttamente da qui, vuole dimostrare il nostro sforzo continuo a fare sempre meglio e a garantire servizi di livello elevato.

 

Statuto della Cooperativa

Lo statuto (dal latino “statutu”, ovvero “decreto”, “decisione”) è l’atto che disciplina l’organizzazione e l’attività di una persona giuridica.

Lo statuto è, di fatto, il cuore del contratto associativo: sono le regole fondamentali che i soci, alla fondazione della cooperativa, si danno al fine di regolamentare quel particolare rapporto che li vedrà legati. Si può senz’altro sostenere che lo statuto sta alle società come la Costituzione sta all’ordinamento in generale. Con i suoi cinque titoli (Costituzione, sede, durata e scopi della società; Soci; Patrimonio sociale e bilancio; Organi sociali; Disposizioni finali), lo statuto regolamenta la vita interna della società, definendone la struttura e il suo funzionamento. Anche se è un atto separato, si considera parte integrante dell’Atto Costitutivo

 

Atto costitutivo della Cooperativa

L’atto costitutivo è l’atto di nascita di una cooperativa. Deve essere sottoscritto da tutti i soci fondatori e deve contenere la volontà di creare la cooperativa. Nell’atto sono inoltre indicati il nome, le finalità, la sede sociale e il nome del primo presidente eletto e degli altri membri del consiglio di amministrazione.

 

Carta dei servizi della Cooperativa

La Carta dei Servizi è il principale strumento che un’organizzazione ha per far conoscere i progetti che realizza e per informare sulle risorse e le attività a disposizione, sulle modalità di accesso e di intervento. È pensata, inoltre, per essere uno strumento che permetta ai cittadini il controllo, anche in termini di qualità, sull’erogazione dei servizi stessi.

Le norme cui fa riferimento sono la Direttiva Ciampi del 27/01/1994 “Princìpi sulla erogazione dei Servizi pubblici” e la Legge 8 novembre 2000, n. 328 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”. Esse a tutela degli utenti, obbligano gli enti erogatori di Servizi pubblici – anche quando questi non siano svolti direttamente ma attraverso concessioni o convenzioni – a dotarsi di una propria “Carta dei Servizi”.

La Carta dei Servizi rappresenta quindi l’impegno dell’Ente che la emette a definire e tutelare i diritti di coloro che ne beneficiano, secondo alcuni princìpi:

  • sicurezza, continuità e regolarità nell’erogazione;
  • tempestività delle risposte;
  • accessibilità;
  • correttezza e regolarità gestionale.
MENU